Aprile 2013

A.I.FI. Piemonte Valle d'Aosta ricorda a tutti i Soci la possibilità di devolvere il 5 per 1000 ad Associazioni ed Enti Onlus-non Lucrative, che sono particolarmente vicine alla nostra Associazione e Professione:

  • EMERGENCY -  http://www.emergency.it/cinque-per-mille.html
    Emergency promuove una cultura di pace, solidarietà e rispetto dei diritti umani.
    L'impegno umanitario di Emergency è possibile grazie al contributo di migliaia di volontari e di sostenitori.

  • MADIAN  -   http://www.madian-orizzonti.it/news/5xmille/
    Madian, si propone di offrire orizzonti di speranza e di rifugio per coloro che soffrono a causa della povertà, della fame, della disperazione. 
    Alcuni nostri Soci da qualche anno svolgono periodi di volontariato fiosioterapico nelle missioni in Georgia.

Holmgren et al
BMJ 2012;344:e787

La sindrome da conflitto subacromiale è una condizione clinica di origine multifattoriale: tra le cause l'alterata cinematica della spalla, le disfunzioni della cuffia dei rotatori e della capsula e l'overuse in ambito professionale.
Il primo approccio indicato in letteratura prevede un programma conservativo, seguito da chirurgia artroscopica decompressiva in caso di fallimento. I dati epidemiologici svedesi presenti dimostrano che circa il 30% dei pazienti affetti da impingement fallisca l'approccio conservativo, e che nel confronto tra chirurgia e trattamento conservativo gli indicatori di successo possono considerarsi sovrapponibili, dimostrando che non vi è una procedura ottimale nella scelta del paziente per l'approccio conservativo o per quello chirurgico. Inoltre non vi è un consenso sul programma di esercizi più adeguati a ripristinare la corretta funzionalità della spalla con problematica di conflitto.

Regione Piemonte
Direzione Sanità
Settore personale dipendente del SSR e Affari Generali

IL DIRIGENTE
Data 14/03/2013
Protocollo 7804/DB2013
Class. 14.90.20
                                                                                                                      Ai responsabili Servizi Formazione ASR

Martin et al.
Critical Care 2011 Mar 7;15(2):R84

Nei pazienti in ventilazione meccanica (VM) lo svezzamento può avvenire spontaneamente. Accade però che circa nel 10-15% dei casi fallisca la procedura di svezzamento con conseguenze negative per il recupero funzionale del paziente. La VM determina una debolezza dei muscoli respiratori, in particolare del diaframma, con alterazioni morfologiche e funzionali del principale muscolo inspiratorio.

Martin et al.
Critical Care 2011 Mar 7;15(2):R84

Nei pazienti in ventilazione meccanica (VM) lo svezzamento può avvenire spontaneamente. Accade però che circa nel 10-15% dei casi fallisca la procedura di svezzamento con conseguenze negative per il recupero funzionale del paziente. La VM determina una debolezza dei muscoli respiratori, in particolare del diaframma, con alterazioni morfologiche e funzionali del principale muscolo inspiratorio.